News: UN'INCHIESTA DI DIARIO
(Categoria: 11 /9)
Inviato da altrestorie
lunedì 22 gennaio 2007 - 20:24:21

Il 10 settembre, dagli schermi di al Jazeera è andato in onda un documento clamoroso, prodotto dall'uomo-media ufficiale di al Qaeda negli Stati Uniti: Osama bin Laden in persona forniva ulteriori dettagli della sua ideazione, addestramento e realizzazione della strage dell'11  settembre. Recuperati dagli archivi di al Quaeda, si sono visti i testamenti dei dirottatori, il loro addestramento alla lotta in una cabina di aereo e i famosi coltellini.


Tratto da Diario di Enrico Deaglio   (29/9/06)     

Leggi i dubbi   sull'11/9 e guarda i filmati QUI


Spiegazioni di quelle immagini: Osama voleva celebrare l'anniversario, riaffermare la propria leadership sul terrorismo islamico, dimostrare la propria potenza messa in dubbio dai recenti successi di altre formazioni. Ma forse c'era qualcosa di più: Osama si sentiva scippato del suo successo più terribile e ha voluto presentarsi per riaffermare: l'assassino sono io, non lasciatevi distogliere dai «complottisti».
Lo Sceicco del Terrore ha le sue buone ragioni. La sua verità, paradossalmente, è oggi sempre più messa in dubbio dall'incredibile diffusione di un'altra verità , che si contrappone alla "storia ufficiale". Un' "altra verità", diffusa su tutto il pianeta attraverso internet, centinaia di libri e ormai numerosi film documentari, parla di piloti assolutamente non in grado portare a termine l'impresa, del crollo delle due torri causato da una demolizione programmata, di un missile e non di  un aereo contro il Pentagono, di un aereo fantasma  in Pennsylvania.
Secondo i sondaggisti “l’altra verità” conquista consensi a ritmo crescente il 20 % dell’ opinione pubblica americana, il 36 % degli universitari. Le cifre diventano imponenti  se si aggiunge che il 60 % degli americani chiede la riapertura della commissione  d'inchiesta; e diventano imbarazzanti  per la sanità mentale di quel Paese se si osserva che altrettanti americani sono convinti che l'Iraq sia stato invaso per punire Saddam, il vero autore delle stragi.
Non c'è dubbio che le tesi cospirazìonìste siano seguite con interesse e i documentari siano affascinanti (domenica scorsa il programma Report di Milena Gabanelli che ha presentato il film
Confronting the evídence   ha totalizzato quasi 4 milioni di spettatori). Colpisce il tono pacato di chi cerca la verità  esercita un suo diritto pone domande, stigmatizza assenze della versione ufficiale e schiera a presentarle non uomini politici o predicatori, ma serissimi professori e tecnici.
Questo articolo vuole invece presentare un lavoro giornalistico poco noto in Italia, ma a nostro parere decisamente interessante. È un'inchiesta giornalistica condotta dalla rivista Popular Mechanics, giornale di divulgazione tecnica e scientifica che esce negli Usa da cent'anni ed è pane quotidiano delle famiglie americane. Pubblicato dalla Hearst Corporation, tradotto in tutta l'America Latina e in Sud Africa, Popular Mechanícs è quel genere di giornale che presenta i nuovi modelli di automobile e i nuovi tagliaerba, discute del futuro dei raggi laser, consiglia sull'uso dell’inox nella stanza da bagno e analizza i libretti d'istruzione degli elettrodomestici.
Due anni fa la rivista promosse un'inchiesta in profondità sull'11 settembre analizzando le teorie cospirazioniste. Mise al lavoro 30 giornalisti e intervistò 300 esperti e concluse, in un numero speciale del marzo 2005,, che nessuna delle teorie resisteva alla prova dei fatti. Ora tutto il lavoro è diventato un libro, Debunking 9/11 Myths, a cura di David Duribar e Brad Reagan, Hearst Books. Il libro presenta le tesi cospirative e le mette a confronto con i fatti accertati e con il parere degli esperti intervistati. Vale la pena esaminarli.
 
Il non intervento dei caccia.
La tesi sostiene che, per non interferire con i piani del presidente e dei suoi complici, l'aviazione americana venne lasciata forzatamente a terra; in specifico nessun caccia si alzò dalle ali basi aeree posizionate nelle zone dei dirottamenti. “La base di Andrews aveva due squadriglie di caccia per proteggere i cieli di Washington. Non hanno fatto il loro lavoro. C'è una sola spiegazione: alla nostra aviazione fu ordinato di rimanere a terra».
I fatti: l'11 settembre erano in all'erta solo 14 caccia nei 48 Stati contigui che formano gli Usa, diversi jet si alzarono in volo, ma troppo tardi. I ritardi furono causati dalla struttura della catena informativa, non adeguata a reagire prontamente a un evento senza precedenti.
Viene poi presentata dettagliatamente la situazione alla data dell'attacco: non esisteva alcun network di computer in grado dì allertare il Norad (North American Aerospace Defence Command) sulla scomparsa di aerei civili: la comunicazione avveniva, letteralmente, per telefono. I protocolli prevedevano una serie multipla di passaggi fino al vertice del traffico aereo civile posto a Herndon, Virginia. Questo era incaricato di contattare il Comando militare nazionale che chìedeva al presidente o al segretario di Stato l'ordine scritto di intervenire. Se questo veniva dato, veniva comunicato al Norad che lo girava a uno dei tre settori operativi presenti.
Il primo allarme venne dato a Boston per la scomparsa del volo m American Airlines alle 8.24. "Possibile dirottamento". Superando i protocolli il Norad venne subito avvertito e ordinò a due F15 di alzarsi in volo dalla base dì Falmouth, Massachusetts. Gli aerei però non sapevano dove andare. Perché? Perché il posizionamento di un aereo commerciale avviene secondo due sistemi; 1) il transponder che emette un segnale elettronico che comunica numero del volo, altitudine e velocità; 2) il radar che trasmette pulsazioni anonime sullo schermo. I due sistemi sono separati, in alcune torri di controllo addirittura su due piani differenti dell'edificio e senza il dato del transponder (che i terroristi avevano spento) è difficilissimo per il controllore associare il segnale radar a un partìcolare aereo. La mattina dell'11 settembre erano in volo sopra gli Usa 4.500 aerei commerciali. I due F16 si alzarono alle 8.46, mentre il volo  si schiantava contro la Torre Nord. Si posizionarono sopra Long Island in attesa di ordini.
La sparizione del volo United Airlines 175 venne segnalata con molto ritardo (alle 9.03) perché il controllore stava ancora cercando il volo m. La segnalazione avvenne proprio mentre il Boeing si schiantava contro la Torre Sud. I due Fi5 alle 9.25 vennero mandati a pattugliare il cielo di Manhattan in caso di nuovi attacchi. Il volo American Airlines 77 riuscì invece a volare senza transponder verso Washington per 36 minuti. La prima segnalazione del volo United Airlines 93 avvenne per una comunicazione all'interno dell'aereo captata via radio a Cleveland alle 9.32. Nove minuti dopo venne spento il transponder. Il Norad non seppe che era stato dirottato fino al suo schianto a Shankville, Pennsylvania. L'ordine firmato da Bush a bordo dell'Air Force One (Intercettare e distruggere) venne dato 17 minuti dopo quello che sarebbe stato l'ultimo schianto, quello del volo United 93. Dal primo dirottamento erano passati 104 minuti.
Oltre alla macchinosa comunicazione, occorre poi notare che all'epoca le regole di ingaggio non permettevano ai caccia di superare il limite del suono, né di attaccare gli aerei dirottati (nessuno aveva pensato che il dirottamento potesse trasformarsi in un atto di guerra). Il Norad era concepito, dai tempi della Guerra fredda, per un attacco dall'esterno e quindi dal Canada, dal Messico o dall'Atlantico. In effetti caccia F16 si alzarono verso l'oceano e furono precipitosamente richiamati indietro.
La tesi cospirazionista presenta però un caso in cui l'ordine venne dato molto più tempestivamente (la storia è continuamente presentata nei documentari). Si tratta del Learjet del campione di golf Payne Stewart, che partì da Orlando, Florida, nell'ottobre 1999 in direzione Dallas. Rimasto senza controllo alle 9.33 per una depressurizzazione della cabina, venne intercettato da un F16 alle 9.52. Il caccia lo seguì fino al suo schianto in una zona non abitata del South Dakota. Come si vede, appena 19 minuti, una prova che intercettare immediatamente è possibile. Popular Mechanics fa però notare che l'F16 era già in volo di addestramento quando ricevette l'ordine, che il Learjet aveva un transponder funzionante che ne permise la rapida individuazione e soprattutto che la scomparsa delle 9.33 era sull'ora della Florida e l'aereo e l'aggancio delle 9.52 sul fuso degli Stati centrali. Per cui il tempo non fu di 19 minuti, ma di un'ora e 19 minuti (la rivista fa poi notare che il caso del Learjet fu l'unico caso di intercettamento negli ultimi vent'anni).

Come caddero le torri.
La teoria cospirazionista non accetta che le Torri gemelle siano cadute per effetto dell'impatto dei due aerei. La temperatura sviluppata non sarebbe stata in grado di fondere l'acciaio della struttura. Piuttosto, si sostiene che le torri siano cadute per «esplosioni controllate» di bombe precedentemente poste negli edifici. Uguale sorte per il vicino Edificio sette. Prove: testimonianze che raccontano di un'esplosione, la dinamica del crollo, nuvole che si sprigionano ai piani alti interpretate come lo scoppio di piccole cariche esplosive.
Per Popular Mechanic, che presenta i lavori di alcune centinaia tra accademici, esperti in demolizioni e analisti delle immagini fotografiche, ognuno dei due Boeing che colpirono la struttura portava con sé 37.800 litri di cherosene che brucia tra i 1.100 e i 1.200 gradi. La massa di liquido trovò la sua strada verso il basso tra l'acciaio del guscio e la vuota intercapedine che ospita i vani degli ascensori, delle tubature e dei tramezzi. I calore aumentò per l'incendio, piano dopo piano, di moquettes, tende, carta, mobilio e materiale divisorio. Calore e successivi incendi hanno causato il collasso della struttura di acciaio (che fonde effettivamente a 1.500 gradi, ma perde il 90 % delle sue proprietà già a 1.000 gradi).
Gli sbuffi che si vedono sono l'effetto di espulsione d'aria, dovuta agli incendi. Se il collasso fosse stato opera di un'esplosione, l'edificio sarebbe crollato dalla base e non dal l'alto. Richiesto di un parere professionale su una possibile demolizione controllata delle torri, il responsabile della Controlled Demolition (sulla caduta delle Torri  guarda i filmati QUI), ditta fondata nel 1947 e che ha la più vasta esperienza al mondo, ha calcolato che sarebbero state necessarie almeno 75 tonnellate di esplosivo, che avrebbero dovuto essere trasportate con carrelli e piazzate intorno alle colonne di acciaio, dopo che queste fossero state private della protezione antincendio. Un lavoro lungo e laborioso.
Per quanto riguarda il crollo dell'Edificio sette, secondo gli esperti esso è stato causato dall'azione combinata del calore sprigionato e dai danni materiali provocati dal crollo delle torri adiacenti.
Per quanto riguarda un picco sismico registrato dalla centrale della Columbia Universitv Lamont-Doherty, posta 50 chilometri a nord del World Trade Center e che dai cospirazionisti viene visto come improvviso e quindi causato da un'esplosione, esso è di dominio publico: trasportato su una carta temporale corretta, mostra un inizio di attività, seguito da un aumento di attività che raggiunge il suo apice proprio al momento del crollo.
 Il fantasma del Pentagono. La tesi complottista, enunciata dal francese Tierry Meyssan (il suo libro del 2002, L'Effroyable imposture, ha venduto un milione e mezzo di copie), sostiene che nessun Boeing ha colpito il Pentagono. Piuttosto il piccolo foro di entrata. con le pareti dell'edificio intatte, fa pensare a un missile tipo Cruise. Si sostiene inoltre che nessuna fotografia mostra l'impatto e che l'unico pezzo residuo non appartiene a un Boeing. Per tutti coloro che hanno visto i fatti raccontati nei documentari, il mistero del Pentagono è una delle parti più convincenti e affascinanti (anche se Meyssan non è mai stato negli Stati Uniti).
facciata_pentagono.jpg Popular Mechanics la smonta in maniera altrettanto convincente. In primo luogo ci sono alcune centinaia di pendolari che hanno visto con i propri occhi il Boeing schiantarsi; poi ci sono gli esami del Dna che hanno identificato i resti di quasi tutti i passeggeri e dei cinque dirottatori; poi c'è la foto di resti della fusoliera con i colori dell' American Airline; poi ci sono i resti del carrello al foro d'uscita. Gli esperti spiegano che il relativamente piccolo foro d'entrata è tipico dello sbriciolamento di un metallo leggero (le ali di un aereo) contro una fortissima struttura di cemento; che il corpo dell'aereo ha continuato a sbriciolarsi all'interno dell'edificio salvando solo, alla fine della sua corsa, le parti più pesanti, come il carrello. L'aereo
impattò il Pentagono a circa 800 chilometri all'ora e questo spiega l'estrema vaghezza delle immagini riprese dalle telecamere fisse.
Si potrebbe continuare con il volo 93, la cui esistenza (compresi i passeggeri e loro telefonate) è addirittura contestata dai cospirazionisti, ricordando che anche di quel Boeing è stata trovata la scatola nera. Ma forse basta così.
Neanche preso in considerazione. Dai «cospirazionisti», i risultati dell'inchiesta di Popular Mechanics non sono neanche stati presi in considerazione, perché l'inchiesta stessa è stata contestata alla base: il giornale fa parte della catena editoriale Hearst e quindi della Verità Ufficiale; il suo direttore è stato immediatamente inserito nella catena di "sionisti, massoni, agenti Cia e Adepti Illuminati per il Nuovo Ordine Mondiale" e nemmeno i più grossolani errori sono stati corretti. La teoria cospirazionista viaggia su un proprio binario e non accetta deviazioni.
Piuttosto allarga il suo raggio, perché a ogni contestazione il numero dei complici della cospirazione si allarga. Se all'inizio erano Bush, Cheney e pochi altri, oggi sono militari, controllori di volo, impiegati, finti passeggeri e loro familiari e una schiera sterminata di professori universitari, impiegati del governo, giornalisti, tutti costretti al silenzio dagli Adepti Illuminati e Sionisti.Nello stesso modo si allarga il quadro degli avvenimenti dell' 11 settembre. Alla domanda: se il Boeing American Airlines 77 non colpì il Pentagono, che fine ha fatto il Boeing AA 77? Semplice, è la risposta dei cospirazionisti: il vero aereo era riempito di «falsi passeggeri» e fu fatto atterrare in una base segreta militare.
Alla domanda: se le Torri caddero per una programmata esplosione, che bisogno c'era dei due aerei che le hanno colpite? Semplice: il mondo aveva «bisogno di vedere», l'effetto visuale (prima una torre e poi l'altra) era necessario e indispensabile per creare una "nuova Pearl Harbour", che invece era stata preparata in anticipo con le mine alle basi delle due torri e con un missile Cruise al Pentagono.
L'ala radicale dei cospirazionisti, contrapposta ai cospirazionisti moderati, sostiene, per esempio, che i terroristi islamici alla guida degli aerei dirottati non sono mai esistiti e che le loro identità sono false, così come è un trucco preordinato la fotografia di Mohamed Atta che passa il check in. I precedenti citati sono il falso incidente del golfo del Tonchino che servì a Johnson per attaccare il Vietnam; operazioni con aerei camuffati contro Fidel Castro; l'intera operazione Iran-Contra. Agganci sono anche fatti con il misterioso attentato a Oklahoma City e con il fallimento della missione ameicana di salvataggio degli ostaggi a Theran nel 1979.

Gli Stati Uniti noti per essere la patria delle teorie cospirative secondo gli storici la presenza di un complotto che limita le libertà individuali è presente nel profondo della nazione fin dai tempi della guerra anticoloniale. A questo si aggiunge ora una frustrazione per una debolezza di una tecnologia considerata invincibile che non ha saputo fermare l'avventura di pochi giovani arabi senza cultura e senza competenze, guidati da uno sceicco miliardario che  vive - o forse non più - in una grotta dell'Afghanistan. Altro deve essere successo, si sostiene. Altro, qualcosa di "più grande" deve essere reso colpevole per il fallimento della propria sicurezza. Altro, anche se questo comporta l'omertà di i migliaia (o decine di migliaia) di persone e la depravazione morale di tutti i politici e i militari.
Così oggi, a cinque anni di distanza dagli attentati stanno le cose. Tutto quello che abbiamo visto può essere vero o può essere falso. Osama bin Laden si lamenta perché gli è stato tolto il copyright del più grande omicidio della storia e una piccola folla di dilettanti in aviazione civile e demolizioni di grandi edifici si propone come depositaria di terribili verità scientifiche.
Qui da noi, emerge il deputato europeo Giulietto Chiesa, che già si propone («L'intera storia del'11 settembre è un colossale complotto») e minaccia attività pubbliche insieme a Dario Fo e al giornali: Claudio Fracassi. Un loro comunicato stampa cita anche vario titolo, i nomi di Oliviero Beha, Sigfrido Ranucci, Franco Cardini. Si parla di documenti, animazioni in ad e 3d, disegni animati, con il premio Nobel che guiderà lo spettato: come Virgilio, nell'inferno dell'11 settembre.
Sicuramente avranno successo. Ancora una volta Grande Teoria batterà il buon senso e i calcoli del piccolo meccanico che è andato a vedersi migliaia di fotografie, ha intervistato chi gli edifici li demolisce per professione e ha fatto calcoli sul quadernetto.
È sempre stata dura confrontarsi con il meccanico: di sempre cose sgradevoli. In genere, ti dice che non avevi fatto la manutenzione. Poi scopri che aveva ragione lui.

pubblicato il 3/10/06 da pummarulella.



Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.192 )


Render time:0.0409sec0.0066di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,713kb