News: AUTOTRUFFA
(Categoria: Napoletanamente)
Inviato da altrestorie
sabato 17 marzo 2007 - 21:59:58


Chi gira in Campania, nel napoletano in particolare, con un pò di spirito di osservazione si rende immediatamente conto che c'è un numero spropositato di rivenditori di auto usate. Perchè? Perchè si è creata nel settore un 'economia molto particolare, che credo non esista in altra parte d'Italia e nel mondo.



Stamattina leggevo su Repubblica dei dati statistici che fotografavano una realtà abbastanza "curiosa". In Italia, secondo le dichiarazioni dei redditi, solo 760 mila contribuenti si dichiarano ricchi, con un reddito superiore ai 100 mila euro. Eppure le auto sopra i 2000 di cilindrata sono 3 volte tanto.La forbice si allarga nel sud, a Napoli in particolare dove a fronte di 4900 "ricchi", circolano 70 mila auto di lusso.
Tutti evasori? Sicuramente una parte grossa. Ma la più cospicua è costituita da macchine comprate usate.
Chi gira in Campania, nel napoletano in particolare, con un pò di spirito di osservazione si rende immediatamente conto che c'è un numero spropositato di rivenditori di auto usate. Perchè? Perchè si è creata nel settore un 'economia molto particolare, che credo non esista in altra parte d'Italia e nel mondo.Il mercato dell'usato al nord non tira. Non saprei bene perchè ma è cosi. Forse il tenore di vita più alto che permette di cambiare auto più frequentemente. Cosi si comprano auto al nord e le si rivendono al sud, con guadagni netti da mille euro in su, a secondo del tipo di auto. Un mercato remunerativo.Ma esiste anche una ragione più profonda che ha alimentato questo settore.Al nord aggiustare un auto incidentata costa  un sacco di soldi. Quasi sempre non vale la pena perchè costi sono cosi alti che la cifra conviene investirla nell'acquisto di una nuova auto, ricavando il possibile dal "rottame" della vecchia. Al nord ci sono tantissimi che ritirano questi rottami!
Al sud invece i  costi della manodopera sono notevolmente più bassi, perchè la maggior parte dei meccanici, dei carrozzieri,  se non sono grosse officine, lavora quasi completamente  in nero. Per cui un danno di 5000 € a Milano a Napoli ne costerà massimo 1500. Perchè oltre al basso costo della manodopera esiste un fiorentissimo mercato di parti di ricambio usate, proveniente dagli scassi, spesso da auto rubate e smantellate appositamente per rifornire questo giro. Questo rende conveniente le riparazioni, almeno rispetto al nord.
Cosi "operosi" napoletani con contatti al nord, vanno su e comprano singole auto o partite di auto usate. Si comprano aumo magari un pò ammaccate, con parafanghi e paraurti fuori uso, ma senza  danni sostanziali. macchine che al sud si riparano tranquillamente dati i bassi costi. Ma molto spesso, diciamo almeno nel 40 % dei casi,  veri  e propri rottami, ammassi di lamiere contorte che sembra impossibile rimettere in sesto. Si comprano per qualche migliaio di euro, in genere si punta a macchine seminuove, coinvolte in incidenti anche molto gravi. Da queste parti è facile vedere quei camion che trasportano auto, cariche di macchine che sembrano uscite da crash test. Mi è capitato di parlare con carrozzieri che eseguono questo tipo di riparazioni, chiedendo se era davvero possibile aggiustare simili ferraglie. "Certo si aggiusta tutto è stata la risposta". Mi spiegò che è possibile comprare al nord magari un Mercedes o un Bmw ridotto malissimo, per 3/4000 €. Se anche se ne spendono 10 mila per aggiustarlo, lo si rivende a 25/30 mila come "occasione" avendo un margine di 10/15.000 €.Poichè il commercio dell'usato è fiorente, venderle non costituisce un problema. Certi tipi di auto vanno davvero a ruba.
Fin qui tutto abbastanza normale, se non fosse per il fatto  del lavoro nero e di qualche pezzo di ricambio di dubbia provenienza.
Ma molte auto  subiscono un altro passaggio.
La si compra al nord, la si trasferisce al sud a qualche intestatario compiacente. Poi si fanno le classiche "lettere". Cioè si imbastiscono truffe alle assicurazioni. Si denunciano falsi sinistri, e si beccano i soldi delle compagnie. Giri  enormi, che spiegano il perchè le tariffe RCA a Napoli sono proibitive. Questi lavoretti vengono fatti sia da insospettabili signori sia dal "sistema". Nel secondo caso  spesso sulla stessa auto, si fanno due o tre lettere. Con la compiacenza di periti,  agenzie, avvocati, falsi testimoni....
Spesso sono i carrozzieri o i rivenditori che propongono l'affare a qualche "amico". Ti compri il rottame, fai il passaggio di proprietà, poi facciamo una lettera e dividiamo, poi la macchina l'aggiusti, sapendo di comprare un 'auto "appezzottata" (camuffata,incidentata). Qualcuno la truffa la fa in proprio e paga poi al carrozziere il costo della riparazione.
C'è poi ancora un altro modo per lucrare  sul giro delle auto incidentate, ma lo si fa solo con auto di lusso, che valgono dai 40 mila in su. Si  compra il rottame, poi contestualmente si fa rubare un auto dello stesso  tipo e modello, possibilmente dello stesso colore e poi da due se ne fanno una. Un auto rubata su commissione costa sui 2000, più il costo del rottame, si ha un auto di lusso, del valore di 30 mila e più euro, praticamente nuova per soli 7/8mila euro. Un affarone.In pratica si usa il libretto di circolazione della macchina incidentata, ma i pezzi vengono tutti da quella rubata, tranne le parti che hanno numeri di serie. In certi casi si fanno gli appositi "pezzotti". Cioè si tagliano i pezzi di lamiera con i numeri di matricola e si sostituiscono. Lavori di finezza, individuabili solo da esperti. Molte di queste auto finiscono nelle mani di  gente che è sicura di non subire mai controlli approfonditi....immaginate voi chi.Altra variante ancora che si fa per auto  anche piccole, è quella  di comprare il rottame, farsi rubare un auto dello stesso tipo, magari tramite un carrozziere "esperto" del ramo e prendere da li tutti i pezzi che servono. Il resto si butta via come ferrovecchio. Buona parte delle auto che circolano sono di questo tipo,  e buona parte dei proprietari ne sono del tutto ignari. Non solo del giro perverso, ma ignari di aver comprato una sorta di rottame rabberciato alla meglio. Funzionano più che bene, ma se  fai un incidente serio sono cazzi, perchè la macchina si può letteralmente sbriciolare, perchè il telaio, la scocca non hanno più resistenza ai  forti urti.Ma qui si vendono anche auto vecchie, da lavoro diciamo, che al nord non si vedono più circolare.
Macchine assolutamente fuori mercato, magari non catalitiche, pagate su un centinaio di euro perchè destinate alla rottamazione, ma rimesse in circolo nel sud, dove i controlli sono sommari, usate da muratori e altre tipologie di lavoratori che le usano per trasportarci materiali ed utensili. Oppure dai vò cumprà che le caricano all'inverosimile. A loro discolpa c'è da dire che loro spesso non sanno di comprare auto magari non più in grado di circolare. 
Se ne accorgeranno solo quando saranno fermati da una pattuglia e l'auto verrà sequestrata.
Pensate che sta storia sia vera?
Noooo è solo frutta della mia fertilissima mente. Sapete a volte mi diverto a fare fantasie di questo tipo.
giuseppe galluccio 17/3/07








Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.252 )


Render time:0.0332sec0.0063di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,664kb