News: Giovanardi oltraggia la memoria delle vittime di Bologna
(Categoria: FACCE DI CULTO)
Inviato da altrestorie
lunedì 02 agosto 2010 - 20:19:42

 
giovanardi3.jpgDavvero incredibili le parole del rappresentante del partito dell'Amore. Giovanradi per giunta è  cattolico, almeno lui dice,  mentre  in ogni sua dichiarazione leggiamo la grave disumanità prima che l'arroganza politica del fascista. Sempre esprime odio quando parlòa dei tossici o quando parla dei "komunisti" o di quelli che lui ritine tali.
Cosi quelli che chiedonop verità e giustizia, finalemnte dopo 30 anni, sono nient'altro dei komunisti che ce l'hanno col governo.
Del resto se loro coprono piduisti, mafiosi, vecchi e nuovi massoni con cui fanno affari, o il loro boss degrada a "poensionati inconcludenti" i delinquenti scoperti ultimamente a fare affari con un pregiudicato massone come Carboni, mica sarà colpa di quelli che vanno in piazza Bologna a chiedere giustizia.

gg


 
Dall'Unità

[...]
Giovanardi: odio e livore. Pd e Idv: parole vergognose

«Ogni anno a Bologna si è riproposto il triste spettacolo di una piazza che invece di ricordo e dolore ha  espresso odio e livore per coloro che ritiene avversari politici». Lo dice Carlo Giovanardi, senatore del Pdl e sottosegretario alla  presidenza del Consiglio.  «Bene ha fatto quest'anno il governo -conclude Giovanardi- a nonpartecipare ad un rito che per troppi non è un momento di ricordo e commemorazione delle vittime di quella tragedia».

«L'assenza del governo alla commemorazione del trentennale della strage di Bologna è un oltraggio e le parole usate per  giustificare questa scelta una vergogna. Le affermazioni del sottosegretario Giovanardi sono lo specchio della miseria morale di una maggioranza e di un governo che hanno rinunciato a rappresentare il paese nel giorno in cui si commemora uno degli episodi più drammatici della sua storia recente». Lo dice il responsabile sicurezza del pd Emanuele Fiano.

Sulla stessa linea Luigi De Magistris, eurodeputato IdV e responsabile Giustizia e Sicurezza del partito:      
 «Le parole pronunciate dal sottosegretario Giovanardi sono offensive e indegne, soprattutto perché provenienti da chi riveste un ruolo istituzionale e perché riferite ad una piaga democratica nazionale ancora non rimarginata. La piazza che ogni anno si dà
appuntamento a Bologna non esprime “odio e livore”, bensì testimonia il bisogno di verità e giustizia che tutto il Paese sente in merito ad una stagione infame e ancora oscura, durante la quale la deviazione istituzionale e il terrorismo, sotto la regia di una P2 pervasiva, hanno compromesso in modo definitivo la democrazia italiana».

Paolo Bolognesi: Fioravanti, Mambro e Ciavardini quasi impuniti Una quasi totale impunità a favore di Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, condannati come esecutori materiali della strage alla stazione di Bologna il 2 agosto 1980. Lo ha sostenuto Paolo Bolognesi, presidente dell'associazione che riunisce i familiari delle vittime, nel discorso per il trentennale dell'attentato. «Non lo scoppio di una caldaia - afferma il presidente dell'associazione - non terroristi internazionali maldestri, che senza volere hanno dimenticato una bomba alla stazione. Non i libici, non i palestinesi, ma neofascisti, servizi segreti, banda della Magliana e loggia massonica P2» sono colpevoli della strage, «tutti assolutamente interessati ed alleati per impedire l'accertamento della verità. È un dato sia storico che giudiziario, è un dato che i mandanti e gli ispiratori politici della strage alla stazione, che su quell'attentato hanno costruito e rafforzato le proprie posizioni di potere, non si possono permettere che venga divulgato. Assicurare l'impunità agli autori di quell'orrendo crimine è un obbligo per chi ha armato la loro mano: libertà in cambio di omertà. in questo modo si spiegano gli incredibili benefici concessi a Mambro, Fioravanti e Ciavardini che denunciamo da anni». Ovvero, elenca Bolognesi, i due anni di detenzione (su 30) scontati da Ciavardini e i «due mesi per ogni morte causata» passati in carcere da Mambro e Fioravanti, nonostante fossero «condannati complessivamente a 14 ergastoli per strage e 12 omicidi e a più di 200 anni di carcere per reati minori».


 



Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.2539 )


Render time:0.0771sec0.0062di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,633kb