News: A PROPOSITO DI BERLUSCONI , QUALCOSALTRO DA CONOSCERE
(Categoria: Rosario A. Roxas)
Inviato da altrestorie
venerdì 18 febbraio 2011 - 23:35:57



Apparentemente si tratterebbe di una sponsorizzazione, ma ci sono talune “coincidenze” che svelano cosa c’è sotto tale operazione che trasforma quel “apparentemente” in una operazione di conflitto di interessi.




Si tratta del Milan, costosa proprietà del presidente del consiglio, che riceve 75 milioni di euro (praticamente 150 miliardi delle vecchie lire !) come sponsorizzazione da parte degli Emirati Arabi Uniti, per scrivere, dal prossimo anno, sulle maglie “Fly Emirates” ; a prima vista appare chiara l’esosità di una tale sponsorizzazione.
Tutto ciò lascia pensare ad un qualche trucchetto da parte del presidente del consiglio.
La sponsorizzazione è stata perfezionata  dal ricchissimo sceicco Mohamed Bin Rashid Al Maktoum, che è anche vice-presidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti, quindi, interlocutore politico del governo e uno dei migliori clienti di Finmeccanica per l’acquisto di ogni genere di armi.
Le premesse risalgono a qualche anno addietro, quando tra giugno e ottobre del 2009 Camera e Senato ratificano l’accordo di cooperazione sulla sicurezza firmato alcuni anni9 prima dal ministro della difesa del governo Berlusconi Antonio Martino  e il medesimo sceicco, oggi sponsor del Milan, ma allora  “solo” ministro della difesa degli Emirati.
La sponsorizzazione al Milan si intreccia, in pieno conflitto di interessi, con gli interessi  degli Emirati nel campo dell’aviazione militare, non solamente nel campo della difesa ma anche della pattuglia acrobatica.  Gli Emirati vogliono emulare il lustro  delle Frecce Tricolori con una loro pattuglia “Al Fursan”  (I cavalieri), che già dispone di sei aerei MB.339 Aermacchi; ma per una squadra competitiva gli aerei in volo acrobatico devono essere dieci.
Detto e fatto.
Il governo italiano decide con tempestività di privarsi di quattro aerei MB.339  già utilizzati dal 61° stormo, che vengono trasportati a Venegono per una revisione generale e relativa trasformazione eseguita da Alenia Aermacchi, mentre le medesime operazioni di verifica e trasformazione degli altri sei aerei già in possesso degli Emirati, vengono effettuate presso il medesimo utilizzatore.
Si tratta quindi della cessione di quattro aerei e la  revisione e modificazione dei medesimi e degli altri sei, per un valore di oltre 160 milioni di euro.
Allo sceicco di cui sopra, però, viene fatturata una somma inferiore a 30 milioni di euro, meno di un quinto del reale valore, con un risparmio di 130 milioni di euro (quasi il doppio della sponsorizzazione al Milan).
L’affare per gli Emirati risulta solare, ed è qui che nascono gli interessi del Milan, squadra di proprietà del presidente del consiglio che riceve una sponsorizzazione di 75 milioni di euro, proprio dal beneficiario di quella scontatissima fattura.
L’affare è solo alle prime battute, perchè c’è in ballo una fornitura di aerei leggeri per un importo di due miliardi di euro… affari per i quali è indispensabile la gestione diretta da parte del presidente del consiglio, con una maggioranza parlamentare, comunque raggiunta….
E volete che si dimetta ?

Rosario Amico Roxas




Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.2812 )


Render time:0.0937sec0.0083di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,651kb