News: FAMIGLIA CRISTIANA: LA LEGA VA SOLO A CACCIA DI POLTRONE ...NAZIONALI !!
(Categoria: FORZA LEGA)
Inviato da altrestorie
mercoledì 16 marzo 2011 - 21:25:16



I leghisti "non cantano l'inno nazionale e nemmeno vogliono ascoltarlo", ma "per il resto vanno a caccia di poltrone e presidenze... nazionali". Lo scrive Famiglia Cristiana in un editoriale pubblicato on line che commenta la decisione dei consiglieri regionali lombardi della Lega Nord di lasciare l'aula, ieri, quando è stato intonato l'inno di Mameli. "Furbacchiona questa Lega", osserva il settimanale dei Paolini, perchè "rifiutarsi di cantare l'inno di Mameli, anzi rimpiazzarlo al bar con brioche e cappuccino, è uno di quei giochetti che danno ai protagonisti un brivido gladiatorio, non comportano rischio alcuno, procurano titoli sui giornali e spazi in tv".



Ma quando si tratta di "contenuti, stavolta poco padani e molto concreti, - si legge su Famiglia Cristiana - eccome se i leghisti se ne interessano. Non cantano l'inno nazionale e nemmeno vogliono ascoltarlo: ma se vengono in ballo presidenze di banche e direzioni di enti, anch'essi nazionali come Mameli; se oltre alle manovre romane c'è da occupare poltrone regionali, provinciali, comunali e rionali; se insomma si tratta di distribuire posti e prebende ad ogni livello, la Lega è già piazzata in prima linea".
da repubblica.it


bossi.figlio.jpg

Beh è la fotografia della realtà. Sono 20 anni che la Lega spara su Roma Ladrona nel frattempo stanno occupando tutte le poltrone possibili. Nel frattempo hanno seminato odio che cercano di cavalcare contrapponendo nord e sud. Bianchi e neri. immigrati ed Italiani. Ma qualcuno crede davvero che sull'odio si possa costruire? Che prima o poi non se ne paghi il prezzo? E che dire del prezzo pagato per un federalismo che non c'è, che non si sa che roba è , chi realmente lo vuole e quanto costerà davvero? Il prezzo pagato è il sostegno a Berlusconi, e alle varie cricche che lucrano denaro pubblico. Sparano contro il sud ma hanno votato per salvare dalla galera Dell'Utri e Cosentino. Cioè il simbolo del sud mafioso e corrotto. Io sostengo da tempo che i primi a non volere il federalismo sono i leghisti. Perchè non potrebbero più vendere il miraggio, il nuovo sole dell'avvenire che tutto risolve. Se infatti si attuasse davvero il federalismo gli elettori si accorgerebbero che è un bluff, che non risolve alcun problema anzi lo aggrava. In tutto questo ci sarebbe bisogno che Napolitano, a questo p0unto simbolo della Costituzione, batta un colpa e dica basta ai comportamenti eversivi della Lega. E fra le tante toghe rosse mi chiedo se non ce ne sia una disposta a mandare i carabinieri a casa dei leghisti che fanno dichiarazioni eversive o incitanti all'odio. Sarebbe il caso di mettere un punto ad una deriva che si sta facendo davvero pericolosa e che di folkloristico ha davvero poco. La Lega rischia di portare il paese sull'orlo della guerra civile, o comunque dell'implosione.

gg






Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.2860 )


Render time:0.0761sec0.0090di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,651kb