News: ALCUNE INTERESSANTI RIFLESSIONI SUL NUCLEARE di Vincenzo Frezza
(Categoria: AMBIENTE)
Inviato da altrestorie
mercoledì 08 giugno 2011 - 18:05:18




Ricevo e pubblico volentieri delle riflessioni intorno al nucleare.
E tutti a votare il 12 e 13 giugno.
La democrazia non è uan cosa data per sempre ma richiedo l'impegno di ognuno di noi.


Contributo alla discussione sull’Energia Nucleare. Noto che fra i tanti argomenti che potrebbero animare il dibattito sul nucleare  fanno la parte del leone (sulle due sponde)   la sicurezza e la necessità o non necessità di far fronte all’aumento della domanda energetica con il ricorso al nucleare o ad altre fonti.   Per quanto riguarda la sicurezza i contendenti  riferiscono sempre le proprie considerazioni agli incidenti gravi tipo Fukushima – Chernobil,  una parte a dire che si corrono gravi rischi, gli altri  a sostenere che sì i danni sono gravi ma che tali incidenti sono rari ed improbabili e che, quindi, i danni sono  tutto sommato  sopportabili per la società in considerazione della disponibilità di energia a buon mercato(?). 
Poi si sbandierano le fantomatiche centrali di IV generazione.  
A questo proposito credo che sia più importante ai fini del dibattito porre l’accento sui piccoli incidenti di cui non si parla  e dei  “normali” rilasci di radioattività nei dintorni di una centrale  che causano l’assorbimento di piccole dosi di radiazioni prolungate nel tempo. La mia prima esperienza lavorativa come perito nucleare in un reattore di ricerca della MMI  (dove sono stato operatore in sala controllo, fisico sanitario e addetto allo smaltimento rifiuti radioattivi e decontaminazione) mi ha messo dinanzi al fatto che i responsabili degli impianti nascondono o tentano di minimizzare queste circostanze.  I motivi per questo comportamento, sono imputabili a tanti fattori (non generare allarme, paura di dover spegnere  il reattore, paura di esporsi a ritorsioni da parte dei superiori etc..)  ma io credo che il principale sia L’IGNORANZA degli effetti delle piccole dosi prolungate. 

Ebbene il grafico che riporto fa una qualche chiarimento su  questi pericoli   Esso è la sintesi  dello studio  KIKK (Kinderkrebs um Kernkraftwerke)  reperibile sul sito http://www.alfred-koerblein.de/cancer/english/kikk.htm che analizza la frequenza di leucemie acclarate e sospette nei bambini in un raggio di 50 km nei dintorni di 16 centrali nucleari.    

La tabella fonte del grafico è la seguente   (Fälle, F) and controls (Kontrollen, K)

rF (red)K (green)
0-5 km77148
5-10 km158464
10-20 km5231589
20-30 km4031181
30-40 km225726
40-50 km137371
> 50 km69256
Summe15924735














Lo studio è stato
condotto  dal German Childhood Registry (Deutsches Kinderkrebsregister, DKKR) in Mainz.  In esso  sono stati scartati i casi in cui poteva esserci una qualche familiarità con la malattia. Dai dati riportati si deduce che in Italia non c’è un solo sito in cui sia possibile costruire una centrale Nucleare perchè non c’è n’e uno che  possa essere localizzato a  più di 50 km da centri abitati .

graficocentrali.JPG


Il problema della sicurezza è già fortemente presente nel NORMALE esercizio di una centrale.   Per quanto riguarda la crescente domanda di energia dispongo di un grafico ripreso dalla relazione che nel 1979 l’allora presidente dell’ENEL Ing. Corbellini  tenne all’Ordine degli Ingegneri della provincia di Milano sul programma energetico dell’Enel per gli anni 80 che riporta lo spaccato dei consumi energetico italiani nel 1978.            

I dati significativi sono  i seguenti:  
Consumo totale           144 Mtep
Prodotti petroliferi       106
Fonti primarie convertite in En. Elettrica               38  Mtep    di cui  
Prodotti petroliferi  55%                                        21   Mtep
Altre fonti                                                              17  Mtep.  

La tabella che segue invece è attuale :  è ripresa da ISTAT Ambiente e Territorio Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 disponibile sul sito Istat.

Usi Finali di Energia per Fonte in Italia
(Valori in  MTEP - Milioni di Tonn. Equiv. Di Petrolio)
Fonti di energia 2005 2006 2007 2008 2009 Diff. 2008/2009
Combust.Solidi 4,6 4,6 4,5 4,1 2,1 -49,7
Gas  Naturale 45,1 42,8 40,2 40,5 39,4 -2,8
Petrolio 69,2 69,7 69,1 66,9 63,1 -5,5
Rinnovabili 1,8 2 2,5 3,1 3,7 20,5
Energia Elettrica 25,9 26,5 26,6 26,6 24 -6,5
Totale 146,6 145,7 142,9 141,1 133,2 -5,6
Dati Ministero dello Sviluppo Economico   - 6 luglio 2010

Dal confronto sembra che in 33 anni non ci sia stata quasi aumento di domanda elettrica e complessiva.  Ovviamente non è  così e, quindi,  i valori  molto vicini  dei consumi sono da riferirsi alla maggiore efficienza dei sistemi utilizzatori, automobili, elettrodomestici, caldaie per il riscaldamento e quant’altro, a dimostrazione che la ricerca nel campo del risparmio energetico paga.   L’assenza di considerazioni su questi aspetti da parte dei sostenitori della linea antinucleare mi preoccupa perché denota una scarsa conoscenza  della complessità (grande) degli argomenti  legati  all’energia nucleare  e questo li fa sembrare poco convincenti. Non tutti si trovano a doversi confrontare  con testa di chicco e con presunti professori che traspaiono a loro volta ignoranza  .  

Un cordiale saluto

Vincenzo Frezza






Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.2948 )


Render time:0.0308sec0.0055di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,690kb