News: TERRORISMO E COMMERCIO DI ARMI
(Categoria: MONDO)
Inviato da altrestorie
giovedì 25 maggio 2017 - 17:06:34


bombe nucleari.jpgNel nuovo attentato di Manchester in  24 h hanno individuato l'attentatore, scoprendone vita morte miracoli, parentele, gusti, relazioni. Come hanno fatto? Impossibile abbiano individuato cosi velocemente resti dell'attentatore in quel macello di corpi. E a velocità della luce avrebbero pure fatto il test del Dna e comparato con un altro Dna conosciuto. Con cosa l'hanno comparato? E cosai in fretta? Impossibile. O pure questo terrorista  ha avuto la gentilezza di far ritrovare il suo passaporto bello sano sul luogo dell'attentato come è capitato altre volte (Vedi Parigi, New York Istanbul...)??  



Oppure l'hanno individuato studiando le telecamere della zona? Ma anche in questo caso fare riscontri certi in meno di 24 h mi pare quantomeno curioso. Un 'efficienza micidiale che mal si concilia con l'inefficienza di prima che impedisce di fermare gli attentatori quasi sempre ben conosciuti. In questo come in altri attentati. A partire da Atta, l'attentatore dell'11 settembre che, nonostante fosse attenzionato, ha potuto fare quello che gli pareva negli USA ed organizzare un attentato di quelle proporzioni indisturbato. Certo sorvegliare tutti i possibili sospetti è impossibile. Per sorvegliare capillarmente un uomo ci vogliono almeno 30 persone (casa, ufficio, telefoni, computer..). Con centinaia di sospetti possibili è chiaro che non si può fare Esaminiamo un altro fatto che per me è strettamente collegato. Trump, nella sua recente visita in Arabia Saudita, ha chiuso un contratto di 110 mld di $ per la fornitura di armi. Magnificando l'impegno del paese nella lotta alla radicalizzazione ed al terrore. Alquanto curioso visto che da tempo si sa che l'Arabia finanzia l'Isis. La doppiezza degli Arabi, degli Americani e di molti altri paesi è davvero ributtante. Penso sia chiaro a chiunque che in un clima pacificato e di distensione le armi non si vendono o si vendono di meno. Quindi se si debellasse davvero il terrorismo, molti, a partire dagli americani, perderebbero un mucchio di quattrini. E le destre mondiali che accrescono il loro potere soffiando sul fuoco della paura si troverebbero in difficoltà. Perchè la loro ragione d'essere probabilmente verrebbe meno. N on ci sono solo i terroristi fanatici dell 'Isis. Ci sono un mucchio di fanatici anche in casa nostra. Che soffiano sul fuoco del conflitto. E ci sono in ballo interessi economici e di potere immensi. Al punto che non è assurdo pensare che qualche attentato sia stato imbastito qui da noi. O si lascia che accada perchè è funzionale a strategie per alimentare il conflitto. O per orientare le elezioni in un determinato paese. Sia in Francia che ora in Inghilterra gli attentati sono avvenuti a ridosso delle elezioni. chiaro il tentativo di influire sul risultato. Da parte dell'Isis o da parte di qualche delinquente nostrano. Chi dice che questa è dietrologia a buon mercato o è cretino o in malafede. Può non essere vero, certo. Ma che sia più che possibile non ci piove. E sottovalutare questi possibili scenari non aiuta certo a trovare rimedi.







Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.4057 )


Render time:0.0376sec0.0072di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,669kb