News: NEL 2070 L'INQUINAMENTO FARA' SEMBRARE L'EPIDEMIA UNA BARZELLETTA
(Categoria: ITALIA)
Inviato da altrestorie
giovedì 07 maggio 2020 - 20:02:47


L'epidemia ha stravolto le nostre vite. Ma ha fatto più danni la paura, la psicosi. Qualche dato. Da gennaio a giugno del 2019 sono morte 1500 persone per incidenti stradali; ogni anno ci sono 40 mila morti all'anno per alcol; 179 mila morti per tumore (dato 2016), che dipende moltissimo dall'inquinamento perenne in cui viviamo. Non sto minimizzando certo la pandemia in atto, ma è per sottolineare come il nostro stile di vita fa molti più morti di cui però non mostriamo paura e non ci occupiamo. Ed è il nostro stile di vita basato tutto sui consumi  sta distruggendo la terra in cui viviamo e presto la pandemia sarà una barzelletta rispetto a quello che potrebbe toccarci. 

da globalist 
Senza un taglio consistente delle emissioni di gas serra, entro 50 anni le aree del Pianeta abitate da un terzo degli esseri umani si riscalderanno tanto quanto le parti più calde del deserto del Sahara, e quindi 3,5 miliardi di persone sarebbero “in condizioni quasi invivibili”.





I paesi più colpiti sarebbero l’India e la Nigeria, dove sperimenterebbero questo caldo eccezionale rispettivamente più di 1,2 miliardi di persone e 485 milioni di abitanti; oltre 100 milioni di persone verrebbero colpite sia in Pakistan che in Indonesia e Sudan. Alle minacce per la salute e le società, si aggiungerebbe quella per la produzione alimentare. È il risultato di uno studio di un team di ricerca internazionale di archeologi, ecologi e climatologi di alcune università in Cina, Europa e Stati Uniti e pubblicata sulla rivista dell’Accademia americana delle Scienze (Pnas).
Se le emissioni continueranno ad aumentare, avvertono i ricercatori, la temperatura media percepita dall’uomo si alzerà di 7,5 gradi centigradi entro il 2070, quindi oltre i +3 gradi previsti ora. Questo rapido aumento porterebbe il 30% della popolazione mondiale ad abitare in posti con una temperatura media superiore ai 29 gradi, una condizione climatica che oggi è sperimentata sullo 0,8% della superficie delle terre emerse, principalmente nel Sahara, mentre nel 2070 riguarderebbe il 19% della superficie.
“I cambiamenti si manifesterebbero meno velocemente che con l’attuale pandemia da Covid-19, ma sarebbero ancor più deleteri perché alcune zone del Pianeta si riscalderebbero a livelli a malapena accettabili per la sopravvivenza umana, e non si raffredderebbero mai più”, osserva Marten Scheffern dell’Università di Wageningen, coordinatore dello studio assieme a Xu Chi dell’università di Nanjing.




Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.4427 )


Render time:0.0347sec0.0061di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,650kb