News: MAGDI ALLAM : IL NUOVO CROCIATO
(Categoria: Rosario A. Roxas)
Inviato da altrestorie
mercoledì 04 luglio 2007 - 22:04:34

La strategia di Magdi Allam appare però sconcertante; mentre l’intero pianeta tenta di scongiurare l’acuirsi delle guerre e la loro trasformazione in una reciproca “guerra santa”, il musulmano egiziano getta benzina sul fuoco al solo fine di inasprire gli animi


Ci fanno vivere nella costanza del paradosso, dell’improbabile e  dell’improponibile; ora Magdi Allam, egiziano, musulmano organizza manifestazioni in difesa dei cattolici e del cattolicesimo, indicando la religione alla quale appartiene, almeno sulla carta, come il pericolo maggiore per la sopravvivenza stessa del cristianesimo.
La strategia di Magdi Allam appare però sconcertante; mentre l’intero pianeta tenta di scongiurare l’acuirsi delle guerre e la loro trasformazione in una reciproca “guerra santa”, il musulmano egiziano getta benzina sul fuoco al solo fine di inasprire gli animi.
C’è chi lo manovra per  documentare le sue aberranti tesi? 
C’è chi è interessato acchè le guerre preventive possano ricevere l’unzione della santità? Così si materializza il paradosso: la Chiesa viene difesa da un musulmano, il quale, proprio in tale veste accusa i suoi confratelli nella fede di nutrire programmi di distruzione di massa del mondo cattolico e cristiano.
Sono ben pochi i lettori che hanno seguito le evoluzioni di Magdi, transitando dall’estrema sinistra radicale ad una posizione servile nei confronti dell’Occidente America. L’accentuazione della sua evoluzione toccò il suo vertice con il libro “Viva Israele”, ovviamente pubblicato dalla berlusconiana Mondatori; un panflet su ordinazione (come  consuetudine iniziata da Oriana Fallaci), nel quale si scaglia contro tutti gli studiosi della realtà arabo-islamica, che accusa indistintamente di antisemitismo.
Il governo Berlusconi lo dotò di scorta protettiva per i servizi resi alla CIA, all’America e alla politica aggressiva dell’asse Bush-Blair-Berlusconi; così è diventato il più protetto nemico del mondo islamico, e non perde occasione per identificare nell’Islam il più grande pericolo per questo occidente, trascurando le aggressioni che l’Occidente organizza, ma esaltando l’efferatezza di quanti reagiscono alle aggressioni.  Non l’ho mai sentito intervenire con toni di condanna quando dalla stampa apprendiamo, con notizie veloci, da dimenticare, di bombardamenti nei quali centinaia di bambini perdono la vita.  
Ha avuto anche parole durissime contro il più grande teologo e storico dell’Islam Tariq Ranadan, colpevole di aver tracciato l’itinerario  di integrazione della cultura e della religione islamica in Europa. E’ stato Tariq Ramadan a chiarire che l’interpretazione della Jhiad come guerra santa è di  tre o quattro  secoli successiva al Profeta e  alla nascita dell’Islam, con versetti che non fanno parte del Corano e che sono conosciuti più in Europa che nel mondo islamico; per queste ragioni il Magdi Allam, facendosi forte dell’autorità mediatica che gli viene concessa, stravolge anche l’evidenza per farsi portatore delle ideologie aggressive, fornendo loro una motivazione difensiva.
L’ideale di pace, di solidarietà, di integrazione non appartiene al linguaggio di Allam, perché deve dare corpo alle esigenze violente, alle aggressioni, trovando motivazioni costruite a tavolino, ma propagandate con scientifica attenzione. Tramite Magdi Allam il cattolicesimo, il  cristianesimo, tornano nelle piazze per manifestare odio  e propagandare l’esigenza di prosecuzione di quelle guerre che si vogliono far diventare nuove crociate; così un Magdi Allam, egiziano e musulmano,  esalta il Dio degli eserciti, che  sconfigge il Dio dell’Amore predicato da Cristo.  


Rosario Amico Roxas 4/7/07


Nota di Altrestorie.
A quanto mi risulta M. Allam non è un musulmano, ma un cristiano copto. La cosa sul web circola da parecchio,  Allam non ha mai smentito. E credo che mai abbia affermato chiaramente "Io sono musulmano". Gioca sull'equivoco della nazionalità. Essendo Egiziano tutti pensano sia musulmano, in realtà non lo è. Leggi QUI  e QUI
Sia come sia è una di quelle persone di cui si farebbe volentieri a meno.
g.g 4/7/07



Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.472 )


Render time:0.0372sec0.0066di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,654kb