News: UNA POSSIBILE TEORIA
(Categoria: 11 /9)
Inviato da altrestorie
venerdì 28 settembre 2007 - 23:03:52

Lo Pseudo Volo 175 decolla dalla sua base militare, sotto controllo remoto, e viaggia fino ad intercettare la rotta dell'UA Flight 175. Gli operatori radar che seguono la traccia dell'UA Flight 175 vedono comparire due punti.
 


da www.serendipity.li     Tradotto da: comedonchisciotte.net
 
Una dettagliata descrizione di come si potrebbero essere svolti i fatti dell'11 Settembre. "Naturalmente, alcuni dettagli di questo resoconto potranno rivelarsi sbagliati, ma complessivamente esso appare come la più probabile spiegazione degli eventi dell'11 Settembre e, (al contrario della storia ufficiale), è in accordo con tutte le evidenze e non sembra avere contraddizioni."

Nell'Ottobre 2001 comparvero su Internet due articoli che fornivano versioni di ciò che realmente accadde.
Uno, di Carol Valentine, era intitolato "Operazione 911: NESSUN PILOTA SUICIDA", e poneva l'attenzione sulla possibilità che un grosso aereo jet potesse essere guidato in modo remoto. Che questa tecnologia esista è di pubblica conoscenza. Fu sviluppata da Northrop Grumman per essere impiegata nel Global Hawk, un jet militare americano automatico con l'apertura alare di un Boeing 737. (Per ulteriori dettagli sul Global Hawk (vedi Operazione 911: NESSUN PILOTA SUICIDA). Poiché è possibile controllare in modo remoto un Boeing 757 o 767, non potrebbe essere che gli aerei che urtarono le Twin Towers e il Pentagono siano stati controllati in questa maniera? In questo caso non ci sarebbe più necessità di mantenere l'improbabile ipotesi che i 4 aerei fossero simultaneamente dirottati da 19 terroristi Arabi.
L'altro articolo che discute la possibilità di un controllo remoto del Boeing è "Colpo eccezionale: L'aereo che ha attaccato il World Trade Center è stato dirottato elettronicamente" di Joe Vialls.

 
Negli anni settanta ... due multinazionali Americane collaboravano con il DARPA (Defense Advanced Projects Agency) su un progetto che aveva lo scopo di facilitare il recupero remoto di aerei dirottati. [Questa tecnologia] ... permetteva a controllori di volo specializzati ... di riprendere l'assoluto controllo di un sistema di volo computerizzato [di un aereo dirottato] con strumenti di controllo remoti. Da questo momento in poi, senza possibilità di interferenza da parte dei dirottatori o dei piloti, l'aereo dirottato poteva essere recuperato e guidato ad atterrare automaticamente in un aeroporto prescelto, in modo facile come si può guidare un modellino di aereo radio-comandato. ... [Questo] è stato il sistema usato per il controllo da terra dei quattro aerei impiegati negli attacchi su New York e Washington l'11 Settembre 2001. Joe Vialls: Home Run: Electronically Hijacking the World Trade Center Attack Aircraft
Ma c'è un piccolo problema con questa ipotesi. Sebbene esista la tecnologia capace di rendere possibile il controllo remoto di un jet di linea Boeing, e che questa potesse essere stata installata (se non già presente in modo standard) sui quattro Boeing, la conduzione dell'operazione, avvenuta in tempi ristretti, non appare semplice e avrebbe richiesto un discreto numero di persone a conoscenza degli avvenimenti (più persone coinvolte, maggiore probabilità di errori o di fuga di notizie). Non solo sarebbe stato necessario che personale delle United Airlines e American Airlines fosse a conoscenza dei piani di volo, ma anche che quattro differenti gruppi di controllori remoti fossero in opera, uno per ogni aereo dirittato.
Se si considerano i rischi di una operazione nella quale avrebbero perso la vita migliaia di cittadini americani, si capisce anche come non era ammissibile alcuna possibilità di errore. Quello che era necessario era l'attuazione di un piano infallibile, mentre il controllo remoto di quattro aerei apriva una scenario con troppe possibilità che qualcosa andasse storto.
Il piano vero che è stato organizzato è sorprendentemente semplice quando pienamente capito, ed esso fu portato a termine quasi (ma non completamente) senza intoppi. Esso fu rivelato a Carol Valentine da un informatore (come raccontato in 9-11: The Flight of the Bumble Planes).
 
In sintesi, un complotto fu organizzato, non dagli Arabi, ma da "cosiddetti" Americani (agenti dei servizi segreti e della sicurezza nazionale, quali la CIA, e personaggi di alto livello delle Forze Aeree e dell'Amministrazione Americana), forse con il coinvolgimento di Israele, allo scopo di:
 
  1. prendere il controllo di quattro aerei di linea
  2. attaccare le Twin Towers e il Pentagono, determinando un pesante numero di perdite
  3. far credere che gli aerei erano stati usati per compiere gli attacchi
  4. eliminare i passeggeri, non coinvolti nelle operazioni, se non come inconsapevoli testimoni
  5. far ricadere la responsabilità degli attacchi su "terroristi Arabi" e usare tutto questo come pretesto per lanciare una campagna militare contro i "nemici dell'America" in Medio Oriente e in Asia, con lo scopo reale di controllare il loro petrolio e le loro riserve minerarie.
Questo complotto naturalmente non è stato progettato in un giorno. Nel Settembte 2002, un rapporto del Congresso
 
citava non meno di 12 esempi di informazione dei servizi segreti sul possibile impiego di aerei di linea come armi, esempi che spaziavano dal 1994 all'Agosto del 2001, quando giunse la voce di un complotto di Osama bin Laden teso a impiegare un aereo contro l'Ambasciata Americana a Nairobi, Kenia. L'America aveva avuto 12 avvertimenti di attacchi aerei
Durante gli ultimi anni 90, le agenzie di sicurezza americane erano consapevoli delle intenzioni di certi terroristi stranieri tese a dirottare aerei e a farli schiantare contro edifici significativi (naturalmente le Twin Towers sarebbero dovute venire a mente per prime). E tali agenzie potrebbe aver reclutato tali presunti terroristi. In ogni caso, esse li aiutarono a lungo (in modo nascosto, naturalmente), fornendo denaro (tramite i Servizi ISI Pakistani), visti americani, iscrizione a scuole di volo americane e utili suggerimenti. Il piano non era quello di permettere a questi presunti terroristi di fare il lavoro ma piuttosto di utilizzarli come "utili idioti" da incolpare con facilità (così come Timothy McVeigh fu l'"utile idiota" accusato per la bomba di Oklahoma City.). Si è trattato di una operazione di gran lunga più elaborata di quanto i presunti dirottatori avrebbero potuto mettere in atto; un'operazione che richiedeva un equipaggiamento di cui non erano in possesso e la possibilità di precedenti accessi alle Twin Towers che a loro non erano possibili.
 
Ciò che accadde l'11 Settembre è con molta probabilità qualcosa di simile a questo (con alcune possibili varianti, come sottolineato più avanti):
  1. Tre aerei erano stati preparati da personale militare americano (probabilmente il NORAD), aerei capaci di essere controllati in modo remoto, con nessuno a bordo.
     
    • Un jet militare caricato con esplosivo o con missili o con entrambi.
    • Un caccia F-16 armato con un missile.
    • Un Boeing 767, "truccato" in modo da apparire come un jet delle United Airlines (chiamiamo questo"Pseudo Volo 175").
    aereo_11_6.gif

     
    Nella teoria alternativa, l'F-16 può essere rimpiazzato da un missile cruise AGM-86C sparato da un B-52 e fatto volare verso il suo bersaglio sotto guida GPS e capace all'impatto di generare calore ad oltre 2000°C.

     
  2. La mattina dell'11 settembre, Mohammad Atta e altri Arabi salgono a bordo degli aerei dell'American Airlines e dell'United Airlines seguendo le istruzioni di uomini della CIA o dell'FBI. Atta e gli altri, alcuni di loro registrati dalle telecamere di sicurezza dell'aeroporto, verranno più tardi indicati come "i dirottatori".
     
  3. I quattro aerei di linea civili decollano:
     
    • AA Flight 11, un Boeing 767, decolla dall'Aeroporto Logan, Boston, alle 7:59, diretto a Los Angeles, con un numero di passeggeri compreso tra 76 e 81 (circa il 39% della sua capacità) e 11 membri dell'equipaggio. (Questo è l'aereo che, secondo la storia ufficiale, urta la Torre Nord).
    • AA Flight 77, un Boeing 757, parte dall'aeroporto di Dulles, nel Nord della Virginia, alle 8:10, diretto a Los Angeles, con un numero di passeggeri tra 50 e 58 (circa il 27% della sua capacità) e 6 membri d'equipaggio. (Questo è l'aereo che è ritenuto aver colpito il Pentagono).
    • UA Flight 175, un Boeing 767, decolla dall'Aeroporto Logan, Boston, alle 8:13, diretto a Los Angeles con 47-56 passeggeri (circa il 26% della sua capacità) e 9 membri d'equipaggio. (Questo è l'aereo che si ritiene aver urtato la Torre Sud).
    • UA Flight 93, un Boeing 757, con decollo previsto dall'aeroporto Newark Airport alle 8:01 per San Francisco, è in ritardo e decolla alle 8:41, con un numero di passeggeri compreso tra 26 e 38 (circa il 16% della sua capacità) e 7 membri d'equipaggio (Questo è l'aereo che si schiantava in Pennsylvania.)
    Numero totale di passeggeri è fra 199 e 233. -->
     
  4. Lo Pseudo Volo 175 decolla dalla sua base militare, sotto controllo remoto, e viaggia fino ad intercettare la rotta dell'UA Flight 175. Gli operatori radar che seguono la traccia dell'UA Flight 175 vedono comparire due punti.
     
  5. Una mezz'ora dopo la partenza, i piloti dei 4 aerei civili sono informati via radio che gli Stati Uniti sono sotto attacco e vengono invitati a chiudere i loro trasmettitori e ad atterrare in una base militare in qualche Stato del Nord-Est.
     
  6. I piloti obbediscono e cambiano la rotta secondo le direttive ricevute.
     
  7. Lo Pseudo Volo 175 cambia rotta e si dirige verso New York. Gli operatori radar si convincono che l'UA Flight 175 stia ora volando verso Manhattan.
     
  8. I passeggeri sul volo UA Flight 93 sono portati a credere di essere stati dirottati, e vengono invitati ad usare i loro cellulari per avvertire i famigliari (costruendo così quella falsa prova che sarà usata per sostenere la versione ufficiale).
     
  9. I jet militari decollano sotto controllo remoto e (forse, dopo aver intercettato la rotta dell'AA Flight 11 per confondere gli operatori radar) si avvicinano alla Torre Nord alle 8:45, sparano missili verso la Torre, per poi schiantarsi contro di essa, facendo detonare gli esplosivi in precedenza posti nell'edificio. (George W. Bush osserva l'impatto sulla televisione a circuito chiuso mentre si trova alla Scuola in Florida.)
     
  10. Lo Pseudo Volo 175 si avvicina a Manhattan sotto controllo remoto e si schianta nella Torre Sud alla 9:30. I suoi controllori, non abituati a guidare in modo remoto aerei di 100 tonnellate come il Boeing 767, sbagliano quasi il bersaglio, riuscendo comunque a colpire la Torre d'angolo. La maggior parte del carburante dell'aereo passa attraverso l'angolo dell'edificio ed esplode in una palla di fuoco al di fuori dello stesso. (L'avvicinarsi del Boeing 767, l'impatto e la palla di fuoco vengono ripresi da molte telecamere.)
     
  11. George W. Bush annuncia alla nazione di aver fatto alcune telefonate e quindi va a nascondersi per otto ore. Egli non è capace di organizzare un'azione difensiva, ad esempio ordinando ai jet delle Forze Aeree Americane posti nelle basi vicino a Washington di decollare per andare ad intercettare gli altri due aerei (creduti dirottati) ancora in volo. Nessun altro ufficiale delle Forze Aeree ordinò ai caccia di intercettare gli aerei. Intercettatori sono finalmente in volo un'ora dopo che il primo aereo commerciale aveva abbandonato la propria rotta e 45 minuti dopo l'impatto contro la Torre Nord.
     
  12. Il caccia F-16 (vedi 1. sopra), sotto controllo remoto, vola ad alta velocità verso Washington (forse dopo aver attraversato la rotta dell'AA Flight 77), discende quasi al suolo, mettendosi in orizzontale verso il Pentagono, spara un missile che produce una grande esplosione sulla parete esterna del Pentagono, quindi si schianta nella costruzione (alle 9:38), e il suo motore penetra parecchi anelli all'interno del Pentagono.
     
    Nella teoria alternativa il Pentagono viene colpito da un missile cruise AGM-86C.
     
    Esso attraversò parecchi anelli del Pentagono, creando in ciascuna parete che attraversava un buco progressivamente più grande. ….Quando attraversò il primo anello del Pentagono, l'oggetto sprigionò un incendio improvviso e gigantesco. Chi c'era dietro gli attacchi dell'11 Settembre?

     
  13. Nel frattempo (all'incirca fra le 9:15 e le 9:45) tutti gli aerei dell'American e dell'United Airlines erano atterrati alla base militare verso cui erano stati diretti. I 199 (cifra fornita successivamente) passeggeri e gli equipaggi dei voli AA Flight 77, AA Flight 11 e UA Flight 175 vengono trasferiti sull'UA Flight 93, dove si uniscono agli altri 33 passeggeri e equipaggio, presenti sull'UA Flight 93, per un totale di 232 persone. Esplosivi vengono caricati a bordo dell'aereo.
     
  14. La Torre Sud collassa (alle 9:59) mediante una demolizione controllata, 56 minuti dopo l'impatto.
     
  15. Tra le 10:00 e le 10:15 l'UA Flight 93 decolla dalla base militare (o sotto controllo remoto o sotto il controllo di un pilota ignaro del suo destino) e vola verso Washington simulando un "attacco terroristico".
     
  16. La Torre Nord collassa (alle 10:29) sotto demolizione controllata, 1 ora e 44 minuti dopo l'impatto.
     
  17. Vengono fatti detonare gli esplosivi a bordo dell'UA Flight 93 o l'aereo è abbattuto da un missile sparato da un caccia F-16, sopra la Pennsylvania (alle 10:37, circa 2 ore dopo il suo decollo dall'Aeroporto di Newark).
    Membri della polizia di stato della Pennsylvania hanno affermato che i detriti dell'aereo erano stati rinvenuti fino a otto miglia lontano dal punto dello schianto in una comunità residenziale [Indian Lake] dove i giornali locali avevano riportato testimonianze di cittadini che avevano affermato di aver visto sia un secondo aereo nella zona [l'F-16] che detriti in fiamme che cadevano dal cielo. Reuters, 13 Settembre, come riportato in Domande preoccupanti in tempi preoccupanti
    Tutti i passeggeri e gli equipaggi dei quattro aerei "dirottati" compresi forse quei 34 (non nella lista) passeggeri (tra cui Mohammad Atta) che presero parte all'operazione, vengono in questo modo eliminati.

     
  18. La parete esterna del Pentagono, dove è avvenuto l'impatto, viene indotta al collasso (così da non rendere più visibile la piccola apertura nella parete causata dall'impatto dell'oggetto contro il Pentagono).
     
  19. Intorno a mezzogiorno, i media cominciano a far circolare la storia che questo "attacco terroristico" era stato organizzato da Usama bin Laden.
     
  20. Intorno alle 17 l'edificio noto come WTC 7 collassa in modo controllato.
     
  21. Ingannato dai media, il pubblico Americano, offeso e sotto shock, chiede vendetta contro gli organizzatori, che ritiene siano fondamentalisti Musulmani Arabi.
     
  22. George W. Bush annuncia la sua "Guerra al Terrorismo" e il Pentagono dà il via ai suoi già preparati piani di attacco all'Afghanistan (sotto l'egida degli interessi Americani per il petrolio).
Naturalmente, alcuni dettagli di questo resoconto potranno rivelarsi sbagliati, ma complessivamente esso appare come la più probabile spiegazione degli eventi dell'11 Settembre e (al contrario della storia ufficiale) è in accordo con tutte le evidenze e non sembra avere contraddizioni. Solo un'inchiesta indipendente e completa su ciò che accadde l'11 Settembre potrà rivelare la verità, ma l'amministrazione di Bush (impaurita delle conseguenze che deriverebbero da una opinione pubblica americana consapevole di ciò che è accaduto e di chi vi era dietro) ha fatto di tutto per impedire lo svolgimento dell'inchiesta.
 
La CIA ha sempre sostenuto di non aver mai assassinato un cittadino Americano sul suolo Americano. Se l'ostinazione di Eric Olson, nel cercare di scoprire ciò che realmente accadde al padre [Dr Frank Olson, uno scienziato dell'Esercito Americano], e le capacità investigative del pubblico ministero, Saracco, dimostreranno che si tratta di una bugia, questo rappresenterà l'inizio della fine dell'Agenzia.
Così, se si dimostrerà che la CIA è coinvolta nell'assassinio di circa 200 passeggeri (per lo più cittadini Americani) dei quattro aerei Boeing, che sono morti quando l'UA Flight 93 è esploso nei cieli della Pennsylvania, allora l'Agenzia avrà chiuso.
 
D'altra parte, i cospiratori comprarono "put option" (=opzioni di vendita di azioni) di compagnie le cui azioni sarebbero state influenzate negativamente dagli eventi, come le compagnie delle linee aeree di cui si pensava sarebbero stati dirottati gli aerei. La loro intenzione era di mettere a segno un colpo in Borsa, acquisendo il diritto a vendere le azioni di queste compagnie ad un prezzo che essi conoscevano essere molto più alto del prezzo che avrebbero avuto a mercato aperto (dopo l'attacco dell'11 Settembre i prezzi crollarono).
 
6-7 Settembre 2001: 4.744 "put option" (una speculazione di chi scommette che il mercato crollerà) sono acquisite sulle azioni dell'United Air Lines in confronto alle sole 296 "call option" (=opzioni di acquisto; speculazione che il mercato salirà). Questo rappresenta un drammatico e abnorme incremento nelle vendite di put option. Molte delle opzioni di vendita sulle United Air Lines sono state comprate attraverso la Deutschebank/AB Brown, un'impresa diretta fino al 1998 dall'attuale Direttore della CIA, A.B. "Buzzy" Krongard. I dettagli nascosti del Commercio Interno Criminale portano direttamente agli alti gradi della CIA
Nonostante un'inchiesta della SEC (Commissione di controllo sui titoli e la borsa), le identità di coloro che comprarono le "put option" non sono state ancora rivelate.

 



Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.670 )


Render time:0.0400sec0.0056di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,729kb