News: COCA E COCAINA
(Categoria: Canapa e Droga)
Inviato da altrestorie
domenica 10 dicembre 2006 - 14:59:40

" ...Ed ecco il perche' della cocaina. Non posso vivere senza far lavorare il cervello. C'e' forse qualche altra cosa per cui val la pena di vivere? Ma venga un attimo qui, alla finestra. Si e' mai visto un mondo piu' tetro, piu' squallido, piu' inutile? Guardi quella nebbia gialla che fuma e fluttua per le strade e va ad accumularsi sulle grige facciate delle case. Cosa potrebbe esserci di piu' disperatamente prosaico e materiale?..."

 

  da: http://www.medol.com/IT/POLSCIENCE/coverdrg.htm
" ...Ed ecco il perche' della cocaina. Non posso vivere senza far lavorare il cervello. C'e' forse qualche altra cosa per cui val la pena di vivere? Ma venga un attimo qui, alla finestra. Si e' mai visto un mondo piu' tetro, piu' squallido, piu' inutile? Guardi quella nebbia gialla che fuma e fluttua per le strade e va ad accumularsi sulle grige facciate delle case. Cosa potrebbe esserci di piu' disperatamente prosaico e materiale? A che serve, Dottore, possedere doti , se poi manca la possibilita' di sfruttarle? Il delitto e' banale, l'esistenza e' banale; e solo queste banali qualita', non altro, servono a qualcosa su questa terra. " .Sherlock Holmes Arthur Conan Doyle: " Il segno dei Quattro " (1890)
L'uomo ha sempre ricercato sostanze capaci di alterare le sue facolta' mentali.
Tra tutte le molecole abusate dall'umanita' la cocaina ha un posto unico. Tra moda e condanna, di artisti, medici, scienziati e gente comune.
La cocaina, il piu' potente stimolante del Sistema Nervoso Centrale presente in natura, viene estratta da due piante che crescono spontaneamente in Sud America. La Eritroxylum Coca cresce nei climi umidi della foresta tropicale delle Ande Peruviane Orientali (Peru', Equador, Bolivia). Questo arbusto cresce lentamente sino ad un'altezza di 2,5 metri in 40 anni. Le foglie piu' giovani, lunghe sino a 5 cm, contengono circa 1% di cocaina e sono la principale sorgente di cocaina per il traffico illegale. Le foglie vengono macerate ed amalgamate sino a formare una pasta da cui, per raffinazione, si ottiene una polvere cristallina biancastra che contiene il cloridrato di cocaina. La Eritroxylum Novogranatense cresce nelle regioni montuose aride della Colombia, della costa Caraibica del Sud America e della costa settentrionale del Peru'. Le foglie del genere Trujillo vengono coltivate legalmente in Peru' ed esportate in New Jersey dove la Stephan Chemical Company estrae la cocaina per scopi farmaceutici. La Coca-Cola utilizza ancora oggi il prodotto decocainizzato delle foglie come aromatizzante.

Per diversi anni un prodotto per infusione (The' della Salute Incas) e' stato disponibile nei supermercati degli Stati Uniti. Questa bevanda, ottenuta dalle foglie di Eritroxylum Novogranatense contiene in media 5mg di cocaina per tazza, produce una lieve stimolazione psicomotoria, modica euforia e tachicardia.
Amerigo Vespucci fu probabilmente il primo europeo a descrivere la masticazione di foglie di coca in uso presso le popolazioni del Nuovo Mondo. Ancora oggi il 90% degli indigeni mastica le foglie secche mescolate con una piccola quantità di cenere in modo da spremerne i principi attivi che, una volta disciolti nella saliva, vengono a poco a poco deglutiti per assicurare effetti farmacologici duraturi. Una abitudine questa, gia cara agli Incas. La parola coca deriva infatti da kuka, il nome proprio della pianta in lingua quechua. E' possibile però che la parola coca derivi dal linguaggio di una popolazione indios antecedente all'avvento degli Incas, gli Aymara, capaci di coltivare e usare la proprietà della pianta; in lingua Aymara " Coca " significa semplicemente " la pianta ".
La coltivazione della coca avveniva, sino al 1400, in una vasta zona che comprendeva gli attuali territori del Venezuela e del Cile. I Conquistadores, spaventati certamente più da magico alone di idolatria che dai reali effetti psicotonici delle foglie di coca promulgarono una serie di editti che, dal 1565 in poi, vietavano l'abitudine di masticare le foglie di coca.
Negli stessi anni, il secondo Concilio di Lima tentò di limitarne l'uso presso le popolazioni indigene perchè " sostanza inutile, atta a suscitare le pratiche sciamaniache e le superstizioni degli Indios ". Ma ormai, con gia 2000 anni di tradizioni alle spalle le abitudini erano radicate nella popolazione e la coltivazione della pianta aveva raggiunto il suo apice. Dato che le misure restrittive non avevano alcun effetto, la coca divenne quindi monopolio di Stato, per passar, verso la fine dell'Ottocento, nelle mani d imprese private.
Bisognerà attendere il diciannovesimo secolo, perché si iniziasse a capire che cosa rendeva le foglie di coca così uniche quando, nel 1860, Albert Niemann riuscì ad isolare una sostanza, cui diede il nome di " cocaina ". Fu in questo periodo che molti scienziati europei ed americani iniziarono a studiare gli effetti psicostimolanti della cocaina e delle foglie di coca. Unanue, Humboldt, Spruce, Markham e Mantegazza descrissero tutti con grande chiarezza e dovizia di particolari gli effetti della sostanza. Nel 1880 le foglie di coca entrarono nel Prontuario Farmaceutico degli Stati Uniti d'America, mentre la cocaina fu approvata come medicinale nel 1890. Sei anni prima in Europa, l'allora giovane neurologo viennese Sigmund Freud aveva applicato i suoi studi sulla sostanza, che egli raccomandava come toccasana per moltissime malattie, tra cui la depressione di cui era afflitto e dalla quale diceva curarsi con basse dosi croniche di cocaina.
  Nel medesimo anno Koller, un oculista amico di Freud, sperimentò la cocaina come anestetico in diversi interventi chirurgici all'occhio, creando le basi razionali per l'anestesia locale e fu sempre nel 1884 che il chirurgo americano Halsted dimostrò la capacità della cocaina di bloccare l'attività nervosa e propose il suo impiego nella prima anestesia tronculare.
Non furono solo i medici, i chimici ed i tassonomisti a studiare ed abusare la cocaina. Si racconta che Robert Louis Stevenson avesse pensato i personaggi i personaggi di Dr. Jekyll e Mr. Hyde come due opposti effetti della cocaina che gli era stata prescritta da Freud come antitubercolare.
L'oculista cocainomane Sir Arthur Conan Doyle, autore di Sherlock Holmes, racconta dell'uso di cocaina fatto dal noto investigatore.
Verso la fine del diciannovesimo secolo, il giovane chimico corso Angelo Mariani realizzò un vino a base di coca, che fu subito acclamato da cantanti d'opera e musicisti come ottimo rimedio contro il mal di gola, come stimolante e tonico tanto da far meritare al suo inventore la medaglia dell'Accademia Medica di Francia.
Lo zar e la zarina, i regnanti inglesi, i sovrani svedesi e norvegesi, il re Norodom di Cambogia, il comandante delle forze francesi in Indocina, il comandante generale dell'esercito britannico e persino il papa Leone XIII furono assidui consumatori del vino " drogato ", tanto che il suo creatore ricevette dal successore di Pietro una medaglia " ad honorem ".
Molti intellettuali del tempo facevano uso del Vin Mariani; fra essi gli scrittori Dumas figlio, Verne, Rostand, Zola, France e Ibsen, la divine Sarah Bernhardt ed Eleonora Duse, i compositori Gounod e Massenet, gli artisti Rodin, Robida e Chéret.
A questo punto anche gli imprenditori americani giudicarono vantaggioso investire nel mercato dei prodotti a base di cocaina. Fu così che J. S. Pemberton lancio' sul mercato la French Wine Coca, indicata come ottimo stimolante nervoso e tonico.
Il proibizionismo mise fuori legge tutte le preparazoini a base di alcol e Pemberton fu costretto a ripiegare inventando quella che diventerà una delle più famose ed imitata bevande della storia: la Coca-Cola, ottenuta con estratto non alcolico di foglie di coca e noci di cola africana, disciolta in un dolce sciroppo di caramello.
Ben presto il boom commerciale si avviò verso un altrettanto rapido fallimento.
I risultati di studi medici e scientfici indussero diversi governi americani a proibire l'uso della cocaina. In alcuni Stati americani il commercio e l'uso della cocaina senza prescrizione medica furono dichiarati illegali, l'eliminazione del " Pure Food and Drug Act ", del 1906, costrinse i produttori di Coca-Cola ad eliminare la cocaina dalla ricetta; il Dr. Mariani, nonostante avesse avvertito la clientela e il mondo scientifico che il suo elisir era ottenuto con un estratto della foglia di coca e non con l'alcaloide puro come era il caso della Coca-Cola, subì un tracollo finanziario e morì in povertà nel 1914, anno in cui fu emanato l' " Harrison Narcotic Act ", col quale sia la coca che la cocaina furono classificate fra i narcotici. Lo splendore della cocaina era così durato solo 30 anni in occidente mentre nel Sud-America l'uso delle foglie di coca continua indisturbato da almeno 30 secoli.
 



Questa news proviene da altrestorie
( http://www.altrestorie.org/news.php?extend.93 )


Render time:0.0320sec0.0066di queries.queries DB17. Memoria in uso:1,668kb